Type Keyword and Press Enter to Search
×



Settembre è arrivato e piano piano inizieremo a passare più tempo tra le mura di casa. Ebbene sì, l'estate è finita e non potrei esserne più felice. Sì, l'ho detto davvero. In estate, per qualche strano motivo sono sempre di pessimo umore e non mi va di fare nulla. Adesso è finalmente in arrivo la stagione in cui posso raggomitolarmi sotto le coperte a guardare film e serie tutta la notte.
I nostri servizi streaming hanno deciso di aprire la stagione nel migliore dei modi quindi ecco la lista di alcune delle uscite più interessanti di settembre.

Io non vedo l'ora di fare un rewatch di Buffy!


 NETFLIX

Enola Holmes



Le strade del male



Ratched



The Amazing Spiderman 2




DISNEY+

Frozen 2




Becoming: questa è la mia storia



PRIME VIDEO 

Buffy



Lost



Sonic


Tomb Raider



The Americans



Yanise Ho the bladress
Her website


Un anno e mezzo fa, mentre scrollavo annoiata la home di instagram, mi sono imbattuta casualmente nel profilo di The Bladress e il mio pomeriggio si è trasformato.
Yanise Ho ha 23 anni, nata a Hong Kong e trapiantata in America, nel 2017 ha percorso sui pattini circa 7500 km sull'asfalto delle strade americane, senza soldi e affidandosi quindi unicamente alla generosità delle persone per portare avanti il suo messaggio di speranza.

Sono rimasta subito colpita dalla positività e dal coraggio di questa ragazza, quindi potete immaginare la mia gioia quando ha accettato di fare quattro chiacchiere con me.


Com'è nata l'idea di questo progetto? E perché hai scelto proprio i pattini?

Sono sempre stata un'avventuriera. Mi è capitato tante volte di fare la valigia e partire senza avere la minima idea di cosa aspettarmi.
Quando sono partita per un viaggio con lo zaino in America Centrale, tutti hanno dato di matto. "Morirai!", "È il posto più pericoloso al mondo", "Ti stupreranno e rapiranno". La maggior parte di queste persone così pessimiste non è nemmeno mai stata in questi Paesi. Non ho avuto una singola esperienza negativa in America Centrale.
Nonostante la grande povertà, le persone sono disposte a darti anche l'ultimo centesimo nelle loro tasche pur di aiutarti. Quando sono tornata a Hong Kong, la città in cui sono cresciuta da bambina, ho chiesto in prestito un cellulare per telefonare a mio padre e ben quattro persone, con l'ultimo Iphone in mano, si sono rifiutate. Ho anche pianto perché è doloroso vedere che chi ha di più è anche più cinico e diffidente.
Ma in realtà lo sapevo, sapevo che ci sono tantissime persone meravigliose nel mondo che meritano l'opportunità di mostrare la propria generosità. So che il mondo potrebbe essere un posto migliore se solo accantonassimo la paura e credessimo di più nel prossimo.
Senza un dollaro in tasca e senza chiedere mai niente, ho messo là fuori tutta la mia energia positiva e le persone ne venivano attratte.
Ho scelto i pattini perché sono più speciali e efficienti rispetto al semplice camminare. Quello dei pattini poi è il ritmo  perfetto per fermarsi a interagire con le persone. Amo anche che i pattini rappresentino un impegno per me - una volta indossati, toglierli è più difficile rispetto a scendere da una bicicletta o da uno skateboard.
Non appena ho preso questa decisione, ho comprato il mio primo paio di pattini e sono volata in Canada per imparare a usarli. Dopo 30 sbucciature e 10 punti in testa nel giro di due mesi, ho partecipato a una maratona su pattini nel Minnesota. In 4 mesi,  nel 2017, ho pattinato da Savannah (Georgia) a Miami (Florida) senza nemmeno un euro in tasca. È stato un grande successo.

Qual è la tua missione?
  • Ripristinare la fede nell'umanità, incoraggiare le persone a fidarsi di più, ad amare e ad avere più cura degli altri.
  • Raccogliere fondi per l'educazione femminile.
  • Incoraggiare le persone - sia uomini che donne - a vivere una vita felice e audace.


Come trovavi  persone disposte a ospitarti? 

Di solito in 3 modi: sicuramente il classico incontro casuale per strada, poi alcune persone che mi hanno ospitata conoscevano qualcuno disposto a ospitarmi nella città seguente e infine persone che mi seguivano sui social. Non mi è mai capitato di ritrovarmi senza un posto in cui stare. Le persone hanno dimostrato grande gentilezza e amore incondizionato.
Partire senza soldi era un mio punto fermo perché quando fai qualcosa o hai fede al 100% o non ce l'hai. Sapevo quanto le persone fossero ospitali. Non ho mai chiesto niente e non ho mai accettato soldi. Soprattutto al sud, tutti i giorni accostavano almeno 5/10 macchine, le persone mi abbracciavano e mi chiedevano se avevo bisogno di acqua o qualsiasi altra cosa. Anche quando non mi potevano ospitare, mi hanno sempre trovato un posto in cui stare. Non mi avrebbero mai lasciata da sola in strada perché, dai, siamo tutti sulla stessa barca!



Come hai scelto i tuoi itinerari e quanto ci hai messo a completarli?

 Sapevo giusto la direzione generale che dovevo prendere. Nord fino a New York, poi Ovest fino a Portland. Per il resto mi sono affidata al caso. Pianificavo giusto qualche giorno alla volta per assicurarmi ci fossero abitazioni e edifici raggiungibili con i pattini in un giorno.
Il viaggio è iniziato a Miami il 14 Marzo 2018 e è finito a Portland il 20 Ottobre 2018.
Ho impiegato 7 mesi per percorrere circa 7500 km. In media ho percorso 50-70 km al giorno.
Pattinare non è male, ma farlo con uno zaino da 18 kg (quando io ne peso 49) mi ha distrutto le spalle.



 Dicci di più a proposito di "The Bladress Scholarship"!

Oltre a cercare di ripristinare la fede delle persone nell'umanità, sto anche raccogliendo fondi per l'educazione femminile in Kenya e Uganda attraverso un'organizzazione no-profit chiamata One Girl Can.
La lotta per la parità di genere non è finita. Nonostante io sia stata abbastanza fortunata da poter viaggiare da sola, ho anche ricevuto delle critiche sessiste come "Stai chiedendo di essere stuprata", "Se indossassi leggins e avessi il tuo corpo, avrei anche io tutto gratis". La società ignora la forza delle donne e continua a instillare paura in noi. Volevo cambiare questo stigma. Le donne non sono un oggetto sessuale. Siamo forti!
Visto che in Kenya e in Uganda l'istruzione secondaria non è necessariamente gratis o obbligatoria, alcune famiglie povere delle aree rurali non sono in grado di mandare i figli a scuola e nel caso ci fosse questa possibilità, il figlio maschio sarebbe la prima scelta. Voglio aiutare le ragazze ad andare a scuola perché voglio che sappiano che possono essere tutto ciò vogliono. Al momento sono stati raccolti 40.000 dollari.

E ora? Stai lavorando a qualche nuovo progetto?

Al momento sto scrivendo un libro sul mio viaggio. Ho aperto un canale Youtube (QUI) per mostrare alla gente come guadagnerò 250.000 dollari in due anni e mezzo viaggiando e facendo tutto quello che desidero fare nella vita. Farò sicuramente altre sfide fisiche.
Quando avrò guadagnato 250.000 dollari, poi, li investirò tutti in un progetto sostenibile che avrà un forte impatto su migliaia di persone.

Hai qualche consiglio da dare alle giovani donne?

Le persone parlano tanto di libertà, viaggiare può contribuire a liberare la mente e il corpo, ma quello che ti rende davvero libero è amare te stesso e preoccuparti meno dei giudizi altrui.
Smettete di essere spaventate dall'ignoto, abbracciate le incertezze e siate positive!



Ho sempre amato le fiabe. Se mi seguite su Instagram avrete capito che sono rimasta una grandissima fan Disney e da bambina non riuscivo a sopportare nemmeno un attimo di silenzio, quindi chiedevo continuamente ai miei poveri genitori di raccontarmi una fiaba. Poi ho imparato a leggere e ogni volta che mia mamma era di cattivo umore gliene leggevo una nella speranza di farla addormentare serena. 
Se siete qui è perché probabilmente non siete più bambini, ma non si è mai troppo grandi per le fiabe. 
A volte però si ha voglia di qualcosa di simile, ma allo stesso tempo un po' diverso ed è per questo motivo che amo i retelling. Posso avere le fiabe che amo di più trasportate ai giorni nostri, la principessa più  gentile può diventare la più spietata delle assassine e gli innocentissimi baci del vero amore trasformarsi nelle pagine che hanno sconvolto tutto tiktok (capitolo 55 per intenderci). 



Se avete voglia di una ventata diaria nuova pur non abbandonando i personaggi che vi tenevano compagnia da bambini, direi che i prossimi 10 titoli fanno al caso vostro!
                               
La corte di rose e spine - Sarah J. Maas

La corte di rose e spine copertina libro
Amazon
Una volta tornata al suo villaggio dopo
 aver ucciso   quel lupo spaventoso, però, la diciannovenne Feyre   riceve la visita di una creatura bestiale che irrompe a   casa sua per chiederle conto di ciò che ha appena   fatto. L'animale che ha ucciso, infatti, non era un lupo   comune ma un Fae e secondo la legge «ogni attacco   ingiustificato da parte di un umano a un essere fatato   può essere ripagato solo con una vita umana in   cambio. Una vita per una vita». Ma non è la morte il destino di Feyre, bensì   l'allontanamento dalla sua famiglia, dal suo villaggio,   dal mondo degli umani, per finire nel Regno di   Prythian, una terra magica e ingannevole di cui fino a   quel momento aveva solamente sentito raccontare   nelle leggende. Qui Feyre sarà libera di muoversi ma   non di tornare a casa, e vivrà nel castello del suo   rapitore,Tamlin, che, come ben presto scoprirà la   ragazza, non è un animale mostruoso ma un essere   immortale, costretto a nascondere il proprio volto   dietro a una maschera. Una creatura nei confronti   della quale, dopo la fredda ostilità iniziale, e   nonostante i rischi che questo comporta, Feyre   inizierà a provare un interesse via via più forte che si   trasformerà ben presto in una passione dirompente.Quando poi un'ombra antica si allungherà minacciosa   sul regno fatato, la ragazza si troverà di fronte a un   bivio drammatico. Se non dovesse trovare il modo di   fermarla, sancirà la condanna di Tamlin e del suo   mondo...


 To Kill a Kingdom - Alexandra Christo (ING) 

To kill a kingdom copertina
Princess Lira is siren royalty and the most lethal of them all. With the hearts of seventeen princes in her collection, she is revered across the sea. Until a twist of fate forces her to kill one of her own. To punish her daughter, the Sea Queen transforms Lira into the one thing they loathe most - a human. Robbed of her song, Lira has until the winter solstice to deliver Prince Elian's heart to the Sea Queen or remain a human forever. The ocean is the only place Prince Elian calls home, even though he is heir to the most powerful kingdom in the world. Hunting sirens is more than an unsavoury hobby - it's his calling. When he rescues a drowning woman in the ocean, she's more than what she appears. She promises to help him find the key to destroying all of sirenkind for good. But can he trust her? And just how many deals will Elian have to barter to eliminate mankind's greatest enemy?








Stepsister - Jennifer Donnelly

Stepsister copertina

 In un mondo dove una ragazza può essere solo   brava, obbediente e soprattutto bella, non c'è   posto per giochi di guerra e corse a cavallo:   ovvero per tutte le cose che Isabelle ama.   Quando, costretta da Maman, si mozza le dita   dei piedi per farle entrare nella scarpetta e   aggiudicarsi il matrimonio con il principe,   Isabelle  viene scoperta. E al suo posto viene   scelta Ella, la sorellastra buona, la perfetta   Cenerentola delle fiabe. A Isabelle resta solo la   vergogna più nera e l'ostilità di tutta Saint-   Michel.  Ma è proprio vero che il destino di una   sorellastra "cattiva" è vivere ai margini e che   l'unica strada possibile è quella dell'infelicità? Il   marchese de la Chance non la pensa così e   forse l'unica cosa che può salvare Isabelle è   capire che per tutte c'è una possibilità, e che la   vera bellezza è scegliere la propria strada e   percorrerla senza voltarsi indietro. Questa è una   fiaba oscura. È una fiaba crudele. È una fiaba   da  un altro tempo, un tempo in cui i lupi   restavano ad aspettare le bambine nella foresta.   Quel tempo è ormai passato. Ma i lupi sono   ancora qui e sono due volte più scaltri. Le bestie   rimangono. E la morte ancora si nasconde in   una spolverata di bianco. È crudele per   qualunque ragazza che smarrisca il sentiero.   Più  crudele ancora per una ragazza che   smarrisca se stessa. Sappi che è pericoloso   allontanarsi dal sentiero. E tuttavia è molto più   pericoloso non farlo.

Geekerella - Ashley Poston (ING)

Geekerella copertina
Part romance, part love letter to nerd culture, and all totally adorbs, Geekerella is a fairy tale for anyone who believes in the magic of fandom. Geek girl Elle Wittimer lives and breathes Starfield, the classic sci-fi series she grew up watching with her late father. So when she sees a cosplay contest for a new Starfield movie, she has to enter. The prize? An invitation to the ExcelsiCon Cosplay Ball, and a meet-and-greet with the actor slated to play Federation Prince Carmindor in the reboot. With savings from her gig at the Magic Pumpkin food truck (and her dad’s old costume), Elle’s determined to win…unless her stepsisters get there first.
 
Teen actor Darien Freeman used to live for cons—before he was famous. Now they’re nothing but autographs and awkward meet-and-greets. Playing Carmindor is all he’s ever wanted, but the Starfield fandom has written him off as just another dumb heartthrob. As ExcelsiCon draws near, Darien feels more and more like a fake—until he meets a girl who shows him otherwise.





Beastly - Alex Flynn

Beastly copertina
 Kyle Kingsbury, ricco, bello e popolare si   prende  gioco di una ragazza piuttosto bruttina   della sua classe di nome Kendra, una vera e   propria strega in incognito. Lei allora lo   maledice  per la sua cattiveria, tramutandolo in   una bestia; gli concede però due anni per   rompere l'incantesimo, perché pochi istanti   prima di trasformarsi, Kyle compie un atto di   gentilezza, donando alla ragazza della   biglietteria una rosa che la sua partner si era   rifiutata di indossare per il ballo. L'unico modo   di  rompere l'incantesimo e ritornare alla sua   bellezza è amare ed essere corrisposto.









Cinder - Marissa Meyer

Cinder copertina
Cinder è abituata alle occhiate sprezzanti che la sua matrigna e la gente riservano ai cyborg come lei, e non importa quanto sia brava come meccanico al mercato settimanale di Nuova Pechino o quanto cerchi di adeguarsi alle regole.
Proprio per questo lo sguardo attento del Principe Kai, il primo sguardo gentile e senza accuse, la getta nello sconcerto. Può un cyborg innamorarsi di un principe? E se Kai sapesse cosa Cinder è veramente, le dedicherebbe ancora tante attenzioni?
Il destino dei due si intreccerà fin troppo presto con i piani della splendida e malvagia Regina della Luna, in una corsa per salvare il mondo dall'orribile epidemia che lo devasta.
Cinder, Cenerentola del futuro, sarà combattuta tra il desiderio per una storia impossibile e la necessità di conquistare una vita migliore. Fino a un'inevitabile quanto dolorosa resa dei conti con il proprio oscuro passato.






Wicked - Gregory Maguire (ING)

Wicked copertina
This is the book that started it all! The basis for the smash hit Tony Award-winning Broadway musical, Gregory Maguire's breathtaking New York Times bestseller Wicked views the land of Oz, its inhabitants, its Wizard, and the Emerald City, through a darker and greener (not rosier) lens. Brilliantly inventive, Wicked offers us a radical new evaluation of one of the most feared and hated characters in all of literature: the much maligned Wicked Witch of the West who, as Maguire tells us, wasn’t nearly as Wicked as we imagined.









La camera di sangue - Angela Carter 

La camera di sangue copertina
Scrittrice al di fuori di ogni convenzione letteraria e sociale per la sua fantasia barocca e il suo malizioso sensualismo, senza dubbio la personalità femminile di maggior spicco nella narrativa inglese dell'ultimo decennio, Angela Carter ha riscritto a modo suo dieci favole celebri sovvertendone le trame con irridente arguzia. Alcune sono favole sediziosamente familiari, come Barbablu (a cui si ispira il racconto che dà il titolo alla raccolta), Cappuccetto rossoLa bella e la bestiaIl gatto con gli stivaliLa bella addormentata. Altre sono le storie più atroci e orridamente inquietanti della tradizione nordica, con lupi  e vampiri, nevi e foreste, porte misteriose e scricchiolii sinistri. In questi intrecci dissacranti e in queste atmosfere fra lo stralunato e lo scabroso vibra un conturbante umorismo ma soprattutto s'impone, con immagini rapacemente licenziose, un erotismo sadico-sarcastico che svela e dileggia le simbologie sessuali sommerse nella tradizione favolistica.




Il mio splendido migliore amico - A. G. Howard

Il mio splendido migliore amico
 Alyssa Gardner ha scoperto di avere un dono   speciale: riesce a sentire i sussurri dei fiori e degli   insetti. Tutte le donne della sua famiglia hanno avuto   la stessa sorte, fin dai tempi della sua antenata Alice   Liddell, colei che ha ispirato a Lewis Carroll il suo   celebre libro. E lei sta per compiere una scoperta   che  le cambierà completamente la vita: il Paese   delle Meraviglie esiste davvero, non è una finzione   ma un’incredibile verità. È un luogo molto più oscuro   di come l’abbia dipinto Carroll e quasi tutti i   personaggi sono in realtà perfidi e mostruosi. Per   sopravvivere e per salvare sua madre da un crudele   destino che non merita, Alyssa dovrà rimediare ai   guai provocati da Alice e superare una serie di prove   straordinarie. Tra insidie, pericoli e creature   spaventose (dal Bianconiglio alla malvagia Regina   Rossa) avrà al suo fianco Jeb, il suo migliore amico,   di cui è segretamente innamorata e l’ambiguo e   attraente Morpheus, la sua guida in quelle ignote   lande incantate.










The Shadow Queen - C. J. Redwine (ING)


The shadow queen copertina

Lorelai Diederich, crown princess and fugitive at large, has one mission: kill the wicked queen who took both the Ravenspire throne and the life of her father. To do that, Lorelai needs to use the one weapon she and Queen Irina have in common—magic. She’ll have to be stronger, faster, and more powerful than Irina, the most dangerous sorceress Ravenspire has ever seen.

In the neighboring kingdom of Eldr, when Prince Kol’s father and older brother are killed by an invading army of magic-wielding ogres, the second-born prince is suddenly given the responsibility of saving his kingdom. To do that, Kol needs magic of his own—and the only way to get it is to make a deal with the queen of Ravenspire, promise to become her personal huntsman—and bring her Lorelai’s heart.

But Lorelai is nothing like Kol expected—beautiful, fierce, and unstoppable—and despite dark magic, Lorelai is drawn in by the passionate and troubled king. Fighting to stay one step ahead of the dragon huntsman—who she likes far more than she should—Lorelai does everything in her power to ruin the wicked queen. But Irina isn’t going down without a fight, and her final move may cost the princess the one thing she still has left to lose.







Pronti a mettervi a letto con le nuove fiabe? Io ho letto solo alcuni di questi e mi sono piaciuti molto. Al momento sto ascoltando in audiolibro Scarlet di Marissa Meyer, terzo libro delle cronache lunari ( nella lista Cinder) e spero di poterli recuperare tutti molto presto. 
Quali sono i vostri retelling preferiti?
Agenda e computer portatile su un tavolo di marmo rosa
Photo by Emma Matthews Digital Content Production on Unsplash

Il 2020 è finalmente iniziato e  io non potrei essere più felice. Il 2019 è stato un anno orribile, pieno di difficoltà e credo di aver quasi perso la testa. Quello appena terminato è anche l'anno in cui mi sono sentita meno me stessa, lo stress mi ha costretta a rallentare e a mettere in stop le cose che amo fare di più, sono a malapena uscita di casa e per farla breve non vedevo l'ora finisse.



ragazza che scrive sull'agenda rosa
Follow me on Instagram!
                                          
Per questo 2020 però sono molto positiva. Normalmente scelgo sempre una parola o una piccola frase per accompagnare i miei buoni propositi e quest'anno è "Meno ma meglio". Quasi ogni anno infatti, ho una lista dei buoni propositi infinita, porto a termine quasi tutto ma non sempre bene e con costanza. Quest'anno vorrei raggiungere degli obiettivi importanti senza impazzire e dedicando più tempo possibile a me stessa, alle persona che amo e a tutto ciò che mi rende felice. I buoni propositi mi aiutano, rendono più chiara la visione che ho del mio anno e grazie a loro riesco a capire su cosa dovrò concentrarmi.

Continuerò a aggiornare il post  barrando  gli obiettivi che porterò a termine. 

Salute e aspetto
  • Mangiare sano
  • Bere 2 litri d'acqua al giorno
  • Fare esercizio fisico regolarmente 
  • Sbiancare i denti
  • Analisi del sangue
  • Restare serena


Studio e lavoro
  • Laurearmi 
  • Iniziare il Master  
  • Guadagnare di più 
  • Pubblicare Corso Online
  • 5.000 iscritti Say Ciao
  • Migliorare il cinese

Blog
  • 10k instagram
  • 1.000.000 di visualizzazioni sul blog
  • 2.000 iscritti Jess In Wonderland Youtube
  • Pubblicare con costanza su instagram
  • Ricominciare a scrivere sul blog
  • Collaborare con nuove aziende 

Produttività e abitudini

  • Smettere di procrastinare e essere più produttiva
  • Ricominciare a guidare
  • Non mangiarmi più le unghie
  • Svegliarmi subito al mattino
  • Flashcards ogni giorno
  • Meditare con costanza
  • Preparare sempre tutto la sera
  • Tenere sempre i file del cellulare e del computer in ordine

Hobby e vita sociale

  •  Leggere 100 libri (almeno 10 classici e 2 graphic novel)
  •  Vedere gli amici lontani
  •  Andare più d'accordo con i miei genitori
  •  Ascoltare almeno 25 audiobook
  •  Guardare almeno 100 film 
  •  Rewatch Buffy
  •  Guardare  almeno 5 documentari 
  •  Preferire le attività high fun a quelle low fun
  •  Uscire di più
  •  Viaggiare
Avete già fatto la vostra lista? Fatemi sapere quali sono i vostri obiettivi più importanti!
Scritto da: Jess

Copertina di E l'oceano era il nostro cielo di Patrick Ness

                   
     Trama

"Patrick Ness esplora i temi della violenza, del potere e della caccia in una favola che reinventa la storia di Moby Dick".



★ ★ ★ ★ 
  Compralo subito!











Recensione

Patrick Ness, che avevo tanto amato con il suo "Sette minuti dopo la mezzanotte" torna a sorprendermi con il suo ultimo romanzo E l'Oceano era il nostro cielo. Come ormai saprete tendo a evitare i middle grade, troppo grande per essere in target e troppo giovane per tornare a apprezzarli, ma Patrick Ness ricade in una categoria a parte. I suoi romanzi vengono sì apprezzati da un pubblico giovane, ma credo che solo i suoi lettori più maturi riescano a cogliere pienamente tutte le sfumature della sua scrittura e i messaggi delle sue storie.

E l'Oceano era il nostro cielo prende chiaramente ispirazione dal classico Moby Dick che purtroppo è una delle mie grandi lacune quindi non sono riuscita a cogliere alcuni riferimenti. Oltre ad avermi emozionata però, Ness è riuscito a convincermi a recuperare al più presto questa lettura.

La protagonista della storia è una balena di nome Bathsheba giovane apprendista della capitana più temuta dei sette mari, Alexandra. Tra umani e balene è guerra e, giorno dopo giorno e massacro dopo massacro, questa si fa sempre più aspra. Bathsheba dopo aver perso la madre e aver ascoltato la profezia e gli ordini della nonna, non senza remore, si unisce alla caccia agli uomini. Nell'Oceano però si insidiano tanti pericoli, il più temibile dei quali è senza dubbio Toby Wick. Bathsheba è sempre più convinta si tratti solo di una leggenda, ma le balene, spinte dalle profezie, hanno una missione e sono determinate a porre fine a questo flagello.

Illustrazione di E l'Oceano era il nostro cieloAncora una volta Patrick Ness torna a confondermi, perché mentre leggevo le prime pagine ero assolutamente convinta che la protagonista fosse umana. La mia confusione non deriva esattamente dalla distrazione, ma dall'eccezionale capacità dell'autore di rendere così umana Bathsheba. Quello di E l'Oceano era il nostro cielo è un mondo al rovescio e tremendamente affascinante, pieno di metafore, messaggi importanti e problematiche sempre attuali.
Ho apprezzato tanto che Bathsheba  si interroghi spesso su questioni riguardanti la morale, non si limita a seguire gli ordini e le profezie come le altre balene, ma cerca di capire se la battaglia che stanno tutti combattendo sia giusta, se questa guerra non li stia rendendo tutti dei mostri. Buoni, cattivi, certe volte la linea che li separa è troppo sottile.
Come abbiamo detto questa è una storia molto particolare che genera facilmente confusione nel lettore, quindi ritengo siano di grande aiuto le meravigliose illustrazioni di Rovina Cai che riescono a cogliere e rappresentare al meglio l'atmosfera del libro. Sfogliarlo è un piacere!

Come sempre dietro alla semplicità del suo stile fiabesco, Patrick Ness cela messaggi importanti e scene potenti raccontate con naturalezza che riescono però a lasciare il lettore a fine lettura con il magone e un grande senso di angoscia. E l'Oceano era il nostro cielo si legge tutto in una volta e darà un significato  e valore diverso al vostro viaggio giornaliero sui mezzi. Consigliatissimo!
Scritto da: Jess

Ragazza che viaggia con lo zaino



In tutta la vita penso di non aver mai incontrato una persona alla quale non piace viaggiare. Non fraintendetemi, sono sicura esistano, d'altronde c'è parecchia gente a cui non piace il cioccolato, ma immagino siano una minoranza. E allora perché non viaggiano tutti? Notizia sconvolgente: per viaggiare servono i soldi.
A dirla tutta viaggiare gratis è possibile, ma è un progetto che necessita tanta organizzazione, coraggio e spirito di adattamento, quindi oggi non siamo qui per parlare di quello.
Oggi invece vorrei parlarvi di tutti i trucchetti che si possono usare per spendere molto poco per viaggiare senza rinunciare a ogni tipo di agio.
Sono una studentessa, lavoro nei ritagli di tempo e non guadagno certo cifre astronomiche ma sono sempre riuscita a fare due o tre viaggi l'anno. Forse viaggiare costa meno di quanto possiate immaginare.
Ma veniamo al punto, la domanda che vi state facendo da quando avete aperto questo post: come si fa a viaggiare quando si è al verde?

1.Trovare un mezzo di trasporto economico.
La prima cosa che cerco di organizzare quando decido di partire è il mezzo di trasporto. Normalmente viaggio in aereo e QUI vi svelo tutti i trucchi che uso per trovare voli a prezzi bassissimi, ma non sempre l'aereo è la scelta migliore.
Se viaggiate in gruppo il viaggio in macchina potrebbe essere una scelta più economica, per quanto riguarda il treno si trovano spesso offerte vantaggiose e avete mai sentito parlare di Flixbus? Un'amica è andata a Parigi con soli 10 euro!


2.Alloggio alternativo.
Io sono particolarmente paranoica e sì, lo ammetto, un po' viziata quindi scelgo quasi sempre l'hotel come alloggio, ma ci sono alcune alternative che piaceranno molto di più al vostro portafoglio.
  • Ostello – Negli ostelli dormirete in stanze condivise dove potrete fare amicizia con tanti viaggiatori come voi pagando meno di 20 euro a notte.
  • Airbnb – Airbnb è un servizio che vi permette di affittare delle case o appartamenti (spesso molto belli) a prezzi vantaggiosi.
  • Couchsurfing – Vi permette di essere ospitati gratuitamente a casa di una persona del luogo.


3.Viaggiare in bassa stagione

Andare in Grecia in estate costa molto di più rispetto alle altre stagioni. Chiaramente bisogna scendere a compromessi senza rinunciare completamente all'idea di viaggio che avevamo in mente. In teoria la primavera potrebbe essere un periodo migliore e più accessibile.
In ogni caso quando si viaggia con un budget basso è meglio evitare le festività.




Pianificazione viaggio


4.Comprare gli snack al supermercato

Qualche mese fa sono stata a Disneyland Paris, sapevamo che i prezzi all'interno del parco sarebbero stati altissimi quindi siamo passati al supermercato a fare scorta di pizzette e merendine e abbiamo fatto bene perché i prezzi erano folli. Non spenderei più di 15 euro per un Hot Dog nemmeno se me lo cucinasse Cenerentola in persona.
Il mio consiglio quindi è di comprare al supermercato le bevande e gli snack, ma se siete proprio al verde sono sicura che riuscirete a trovare qualcosa anche per i pasti principali. In molto ostelli c'è anche una cucina!


5.Prenotare e pianificare in anticipo

Dopo fin troppi anni ho scoperto che pianificare un itinerario prima di partire è l'idea migliore. In questo modo si riesce a stabilire un budget più preciso, si scoprono giornate in cui i musei e le attrazioni sono totalmente gratuiti, si risparmia tempo e molto spesso prenotare gli ingressi da casa vi permette di avere uno sconto e di saltare la fila.


6.Evitare le trappole turistiche

Ci sono attrazioni tremendamente sovrapprezzate e che si rivelano una grande delusione. Sono lì solo per attirare turisti, per farvi spendere soldi e probabilmente perderete tutta la giornata in fila. Evitatele!


7.Viaggiare in gruppo

Se da una parte viaggiare in gruppo significa anche adattarsi, uscire e bere più del dovuto e dover pagare anche per l'amico che ha ordinato 4 bottiglie di vino, viaggiare in gruppo ha i suoi vantaggi. Moltissimi tour e attrazioni infatti offrono sconti niente male per i gruppi.


8.Trovate attività gratuite

Prima di partire date un'occhiata a Google. Se siete abbastanza fortunati potrete partecipare a festival o eventi particolari senza sborsare un euro.


9.Free Walking Tour

Non riuscite a rinunciare alle informazioni sulla città ma non potete permettervi una guida?
Semplicissimo! Vi basta andare sul sito FREE WALKING TOUR e iniziare a camminare.

10.Parlate con le persone del luogo

L'anno scorso sono stata a Barcellona con Richi e abbiamo conosciuto un signore del luogo, ex guida della Sagrada Familia che ci ha raccontato quasi tutto quello che sapeva sulla basilica. I locali sono una fonte preziosissima di consigli e informazioni.



Scritto da: Jess

Ragazza che scrive a computer

Trovare lavoro al giorno d'oggi, si sa, non è poi tanto facile. Il nostro più grande alleato in questa ricerca all'apparenza impossibile (oltre a una buona dose di pazienza) è senza dubbio il curriculum vitae, meglio conosciuto come CV.  Il curriculum dovrebbe dare risalto alle vostre abilità e dimostrare al datore di lavoro che sareste un'ottima risorsa per la sua azienda. Scrivere di sé stessi e delle proprie capacità non è poi tanto difficile, vero? Falso. 
 Purtroppo riassumere la propria vita, le proprie esperienze e attitudini in una paginetta può spesso risultare una vera e propria sfida. 
 La prima volta che mi sono ritrovata a compilare il mio CV avevo 18 anni, non stavo cercando lavoro e l'azienda che mi aveva proposto un colloquio voleva un curriculum entro la fine della giornata. Poche ore di tempo e ancora meno esperienza, ho fatto qualche rapida ricerca e ho scaricato il formato europeo da compilare in fretta e furia. Sono riuscita a compilare un curriculum soddisfacente? Non direi, ma nel corso degli anni ho cercato di informarmi il più possibile per non farmi più trovare impreparata.

 Ho raccolto i consigli di alcuni HR e professionisti italiani quindi come si fa il curriculum e quali sono gli errori da evitare nella sua compilazione? 

 1. La cover letter
 La lettera di presentazione non è sempre obbligatoria quindi se volete scriverla, fatelo bene. È l'occasione per farvi conoscere e “vendervi” bene al datore di lavoro. 

 I consigli degli esperti 

 Evitate le frasi fatte, prendevi un po' di tempo per scegliere il tono giusto. Se non vi viene in mente proprio nulla, forse è meglio lasciare stare.

 2. Il nome del file
 Quando allegate il vostro curriculum a una mail, il responsabile delle assunzioni vedrà anche il nome del file. Chiamare il file semplicemente “CV” non va bene (non potete chiamarlo nemmeno “dwehbewb”, vi vedo, so che lo avete fatto!). Queste persone con ogni probabilità avranno ricevuto centinaia di curriculum e non vorranno aprirli tutti per trovarvi. 

 I consigli degli esperti

 Rinominatelo sempre come “CV nome e cognome”. 

 3. Linkedin

 Linkedin, il social del mondo del lavoro, va sempre aggiornato. Sempre più spesso si parla di social recruiting e fidatevi, dopo aver dato un'occhiata al vostro curriculum andranno a curiosare sui vostri social, soprattutto su Linkedin. Quindi fate attenzione perché sarà la vostra vetrina professionale.

 I consigli degli esperti 

 Se vi state proponendo come grafico, i selezionatori potrebbero storcere il naso vedendo che su Linkedin vi presentate come baristi. Cercate di far combaciare il vostro profilo e la vostra ricerca.

 4. La foto

 Nonostante in molti paesi non sia la prassi, in Italia si suggerisce di inserire una foto. Come sceglierla? Possibilmente una che non sia stata scattata in spiaggia o con degli occhiali da sole simpaticoni a forma di ananas. Lo so, sono carini ma a un selezionatore potrebbero non piacere. 

 I consigli degli esperti

 Per scattarla potreste rivolgervi ad un fotografo o potreste chiedere a un amico di scattarla. Abiti professionali, un bel sorriso (niente smorfie!) e un muro bianco come sfondo. 

 5. Lunghezza 

 Secondo alcuni studi (tra cui “Keeping an eye on recruiter behaviour”) i selezionatori dedicheranno circa 6 secondi al vostro curriculum. Quindi quanto dovrebbe essere lungo il vostro CV? Normalmente ci si ferma ad una pagina. Massimo due.

 I consigli degli esperti 

Scrivere tutto nel carattere più piccolo possibile non è una buona idea, non volete far perdere loro la vista prima di assumervi vero? Eliminate il superfluo. Se vi state proponendo come Marketing Strategist forse potete eliminare l'esperienza da babysitter in quinta superiore. E mettete in grassetto le parole che volete saltino all'occhio. 

 6. Formato 

 Quale curriculum usare? Se vi state proponendo per un'occupazione tradizionale il formato europeo dovrebbe andare bene, se quello che cercate è un lavoro che ha a che fare con la creatività forse dovreste valutare il curriculum creativo.

 I consigli degli esperti 

 Se siete grafici sicuramente saprete crearlo, altrimenti per tutti noi imbranati c'è Canva che ve ne offre alcuni gratis e veramente carini. Fate attenzione, la formattazione conta moltissimo!




7. Modificate il CV per ogni candidatura 

 Lo stesso curriculum non si adatta a ogni singola azienda. Come abbiamo già detto il vostro CV deve dimostrare al selezionatore che siete proprio quello di cui hanno bisogno e ogni azienda, per quanto simile, ha esigenze diverse. 


 I consigli degli esperti 

 Prima di inviare la vostra candidatura dovreste studiare i social, il sito e tutto ciò che riuscite a trovare sull'azienda. A quel punto potrete modificare il vostro cv per adattarlo all'azienda per la quale vi piacerebbe lavorare. 

 8. Mail di accompagnamento.

 Mi raccomando, evitate gli errori e date un occhio al registro. Se siete alla ricerca di un tirocinio in uno studio legale probabilmente dovrete tirar fuori il Manzoni che è in voi, se invece vorreste lavorare in un'agenzia pubblicitaria dovreste mantenere un tono sì formale ma senza esagerare, cercando di risultare comunque al passo con i tempi.


 I consigli degli esperti 

 Ancora una volta è importante conoscere bene l'azienda per proporsi nel modo migliore. Indagate! 

 9. Refusi 

 Controllate il vostro cv per evitare refusi, avrete sicuramente molte meno possibilità di essere assunti nel caso in cui il selezionatore dovesse trovare decine di errori nel vostro curriculum. 


 I consigli degli esperti 

 Dopo averlo controllato 100 volte dovreste probabilmente farlo rileggere ad un'altra persona perché si sa, i refusi scappano sempre.