Type Keyword and Press Enter to Search
×

Tutti pazzi per Noah Centineo: ecco perché amarlo!

Scritto da: Chiara
l'attore Noah Centineo
Wikimedia Commons

Esiste ancora qualcuno al mondo che non conosce Noah Centineo? Be’, a meno che non viviate con gli Amish, non credo proprio.
 Il giovane attore ha infatti riscosso un successo praticamente immediato in seguito all’uscita della pellicola Netflix “Tutte le volte che ho scritto ti amo”. Il web è letteralmente impazzito, i fans continuano ad aumentare a dismisura e Noah si conferma essere uno degli attori di commedie romantiche più acclamati dell'ultimo decennio. Insomma, un successo strabiliante che vale la pena conoscere.
Quindi, se ancora non avete perso la testa per questa giovanissima star, eccovi una serie di buoni motivi per farlo.

 Alt. Fermi tutti, premessa importante. So già che vi starete chiedendo come si pronuncia correttamente quello strano cognome. Vi risparmio subito uno sforzo di lettura inutile: la pronuncia giusta è “SEN-TI-NA-YO” (aggiungete un tocco del suo accento estremamente sexy ed è fatta!).

 Ma torniamo a noi...


  •  Il nostro Centineo nasce in Florida e ha 22 anni (9 Maggio 1996). A soli 16 anni lascia la scuola per inseguire il suo sogno: la recitazione. Si trasferisce così a Los Angels con la famiglia, che l’ha sempre supportato. 
  •  Ha origini in parte italiane (oltre che nativo-americane, portoricane e tedesche).
  •  La sua carriera decolla nel 2011, grazie a Disney Channel (come ogni buon attore di rom-com che si rispetti). Noah è Dallas nella serie televisiva “Austin & Ally" , appare poi in “Shake It Up”, “Jessie” e nel film “How To Build A Better Boy”. È proprio grazie al suo ruolo come Dallas che Noah realizza per la prima volta di essere diventato davvero “famoso”, quando una ragazzina lo riconosce e gli chiede una foto, mentre lui stava passeggiando tranquillamente con la mamma, ignaro di tutto. 
  •  Il suo primo ruolo davvero importante in una serie TV è arrivato nel 2015 con “The Fosters”, dove Noah ha sostituito Jake T. Austin nel ruolo di Jesus Foster, dalla terza stagione fino alla quinta e ultima (piccolo consiglio: se non l’avete ancora vista correte a recuperarla! La serie è un piccolo gioiello e Noah si è dimostrato pienamente all’altezza del ruolo, regalandoci una delle sue migliori interpretazioni di sempre).
  • In pochissimo tempo è diventato una vera e propria “star Netflix”. Tra 2017 e 2018, infatti, sulla piattaforma sono usciti ben 3 film che lo vedono protagonista: “Tutte le volte che ho scritto ti amo”, “Sierra Burgess è una sfigata” e “SPF-18”. In pratica, non so se è capitato anche a voi, ma ogni volta che ho aperto Netflix nell’ultimo anno mi sono ritrovata davanti la faccia di Noah, incredibile (ma bellissimo!). E non è finita qui: rivedremo presto Centineo accanto a Laura Marano e Camila Mendes (Riverdale) nel nuovo film Netflix “The Perfect Date”, in uscita la prossima estate.
Noah Centineo nel film Tutte le volte che ho scritto ti amo
Netflix

  • Tra Peter (Tutte le volte che ho scritto ti amo) e Jamey (Sierra Burgess è una sfigata) Noah si sente più vicino al secondo. Infatti, anche se sembra impensabile, Noah non è mai stato il figo della scuola. Ha più volte dichiarato di essere sempre stato timido e riservato, il classico tipo che si siede all’ultimo banco e si fa gli affari suoi. Impacciato anche con le ragazze, Noah ha dichiarato di aver dovuto lavorare molto su questo lato di sé. 
  •  Ha partecipato a numerosi video musicali. Primo di tutti, quello della canzone “Havana” di Camila Cabello, esperienza che l’attore ricorda con grande entusiasmo (se volete vedere un giovane Noah elegantissimo, in vestito da sera con tanto di capelli pieni di gel sapete dove cercare!). Più recentemente è apparso nel video di “Are You Bored Yet” (Wallows), accanto a Dylan Minnette (star di Tredici). Ha poi diretto il video musicale di “Save Me Tonight” (ARTY), in cui è tornato a vestire i panni del ragazzo popolare dal cuore d’oro che offre il suo aiuto ad una Lily Collins spaventata e presa di mira dai bulli. 
  •  Gli dicono spesso che somiglia a Mark Ruffalo. Non perchè Noah ricordi un omone di colore verde, più probabilmente per alcuni atteggiamenti e modi di fare che i due attori condividono.
  •  La sua più grande celebrity crush è Selena Gomez, anche se i due non si sono mai conosciuti personalmente. La sua primissima crush al cinema è stata invece Carrie-Anne Moss, protagonista di Matrix (uno dei film del cuore di Noah). Uno dei suoi attori preferitissimi da sempre è invece Matthew McConaughey.
  •  Ha una passione spropositata per gli emoji. Noah è un tipo estremamente spiritoso, un emoji vivente insomma. La sua faccina preferita è quella nerd con gli occhiali, la userebbe ovunque. E durante le interviste non riesce a stare fermo e a non fare smorfie di ogni tipo. 
  •  Ha dato il suo primo bacio a 15 anni, ad una ragazza che soggiornava nel suo stesso hotel. Si sono conosciuti ad un ballo, poi Noah le ha chiesto di andare al cinema. Dopo essersi tenuti la mano durante tutto Cowboys & Aliens, Noah l’ha riaccompagnata nella sua stanza d’albergo e le ha dato un rapido bacio della buonanotte, prima che lei gli chiudesse la porta in faccia. Sarà stato davvero un bacio così terribile? Noah ancora se lo domanda, io sono convinta di no. 
  •  Ha un bellissimo rapporto con la co-protagonista di “Tutte le volte che ho scritto ti amo”, Lana Condor, nonostante il primo incontro tra i due sia stato un disastro. Poco prima dell’audizione, infatti, Noah aveva bisogno di ripetere le battute e ha chiesto a Lana se voleva aiutarlo, ma la ragazza lo ha liquidato con un secco “No”. Tuttavia, non appena si sono ritrovati insieme sul set, sono subito andati d’accordo. Noah ha dichiarato di sentirsi molto affine a Lana: entrambi amano divertirsi e vedono la vita nello stesso modo. La chimica è evidente. Unico problema: Noah è molto più alto di Lana, per questo la poveretta indossa spesso scarpe alte nel film!
  •  Vedremo presto Noah nel seguito di “Tutte le volte che ho scritto ti amo” (i libri sono ben tre, non ci libereremo facilmente di Peter Kavinsky!) e in un episodio del nuovo spin-off di “The Fosters”. L’attore non nasconde il suo amore per la serie: avrebbe infatti voluto comparire in più di un solo episodio. Ha detto di amare alla follia questo “nuovo” The Fosters, dal modo in cui è stato fatto alle tematiche che tratta. Abbiamo grandi aspettative! 
  •  È un gran romanticone anche nella realtà. Ama conoscere a fondo una persona e imparare a capirla pian piano. Una volta, in occasione di un appuntamento con una ragazza, l’ha portata su un tetto e hanno letto insieme per circa tre ore. Più romantico di così! 
  •  Ha una cicatrice sulla parte sinistra del viso, vicina al mento, che gli è stata procurata da un cane mastino all’età di 6 anni. Il cane l’ha morso, facendogli letteralmente un buco in faccia. Nonostante questo brutto episodio, Noah impazzisce ancora per i cani. È proprio un tenerone! 
  •  Non è bravo solo a recitare ma anche a cantare. Al karaoke, però, preferisce rappare, perché è più divertente. La sua canzone da karaoke preferita è “Bulls on Parade” dei Rage Against the Machine. 
  •  Non è un amante della tecnologia, smartphone e social networks compresi. Tutti dovrebbero, secondo lui, mettere più spesso da parte i cellulari per godersi ciò che hanno attorno. 
  •  Durante le pause sul set solitamente legge o dorme. Soprattutto, dorme. 
  •  Aveva una chat di gruppo con il cast di “Tutte le volte che ho scritto ti amo”. Poco prima della première del film si è scatenato il delirio: l’hype era alle stelle e tutti non facevano altro che scambiarsi messaggi del tipo “Ti amo alla follia!” “Anche io!”. 
  •  Ha lavorato ad un film quasi totalmente in lingua cinese al fianco di Jackie Chan, “The Diary”. Noah ha dichiarato che Jackie è davvero un dragone, anche se il film ha sorprendentemente poca azione e molti momenti strappalacrime. In più, lo vedremo il prossimo Settembre nel reboot della serie cult “Charlie’s Angels”, diretto da Elizabeth Banks. Allora, siete già innamorate di Noah?

Nessun commento: